Betsabea Web Site | Penso, Disegno, Sogno
15250
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15250,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-3,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

About me

Sono Betsabea che dice e ridice, che sorride, che ride. Senza paura della vita, mai. Quando mi perdo e quando mi ritrovo. Sono Betsabea seduta su una panchina al parco in una giornata di sole. Sono la domenica a casa di nonna, sono i tacchi troppo alti in una notte troppo lunga. Sono Betsabea con le sigarette sparse nella borsa. Sono il tartufo sulle uova, l’uvetta nell’insalata e un biscotto inzuppato troppo a lungo nel tè. Sono Betsabea che ama le cose difficili. Selvaggia per ambizione e indole. Malinconica a Parigi come Parigi. Sono Betsabea senza memoria, senza fiato, senza voce e senza voglia. Sono i ritagli di giornale sul pavimento. Viziosa. Profumata di vaniglia, di Chanel, di sale e di sabbia. Sono Betsabea da sola in stazione. Betsabea che canta, che scrive, che osserva e che non sa mai cosa mettersi. Perditempo. Sono Betsabea che si alza la gonna per bagnarsi le gambe nel mare di notte. Sono il gin tonic con i mirtilli. Infreddolita e affamata. Betsabea con i segreti che non ricorda, con un cappotto blu decisamente troppo largo. Coccolata, da un gatto, da un uomo, da una brioche alla cannella. Betsabea stesa al sole ad asciugare i pensieri. Scostante, sensuale, astratta, ubriaca di sonno e di Pinot grigio. Sono Betsabea che piange davanti a Le Ninfee di Monet, vicina a un ragno troppo grande, alla fine di Casablanca. Impegnata e impegnativa. Vestita di pizzo, di pailettes, di cotone, di nulla. Betsabea che parla da sola allo specchio. Sono mille fotografie ai passanti di un paesino di mare. Betsabea con i capelli scompigliati la mattina. Incoerente. Sono Betsabea in Puglia dalla mamma, a Roma da Michelangelo, a Firenze, in un cinema a Milano, sono le pappardelle della trattoria Del Rosso di Bologna e il pastis di un locale troppo fighetto ad Antibes. Distratta, su un treno che va di qua e di la. Sono una gassa d’amante e un sacco di altri nodi di cui non ricordo il nome. Curiosa, imbarazzata, morbida, coraggiosa, Betsabea alla costante ricerca del perfetto maglione blu. Coperta di jazz e di mascara, con le gambe nude in un letto sfatto. Sfacciata. Sono Betsabea a passi lunghi e ben distesi con un caffè americano a portar via. Betsabea con lo smalto ancora fresco. Sono i baci lunghi, i baci sugli occhi, i baciamano, i baci di arrivo e di ogni partenza. Sono parole, tante, ma anche gesti, musica e pantoni. Disordinata come i vestiti del mio armadio.
Sono mille cose, no, forse qualcosina in più.

TUMBLR

MOLESKINE

  • Occhi paradisiaci, giardini fioriti, ricami, pizzi e balze, tutto ricoperto da paillettes luccicanti, inserti di soffici piume, metri e metri e metri di soffice tulle. La preparazione è meticolosa, tutto deve essere perfetto e in ordine e preciso, dalla prima all’ultima seduta, dalla prima all’ultima......

  • Una candela che profuma come un computer Mac nuovo. Come dite..Suggestione? L’essenziale, di Atelier VM. Viene saldato al polso e non si può più togliere. Lo trovo super romantico e così piccolo che non può dare fastidio ma solo portare un leggero luccichio al polso.......

  • Alle donne che credono nell’amore e a quelle che lo stanno cercando, a quelle che lo hanno trovato, alle donne che sono felici e a quelle che credono di esserlo perché hanno bisogno di riposarsi un attimo. Alle donne illudenti e a quelle illuse. Alle......

  • Un vecchio faro -avrà un guardiano, chissà- dietro un muretto di pietra -così basso che lo si può saltare- vicino ad una rovina, che una volta sarà stata una casa senza scritte sui muri -ma con lampadari e divani e la cena nel forno- tantissimi......

CONTACT ME

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

instagram